Sputò sui killer del figlio e fu uccisa: ergastolo confermato all’assassino



Ieri è stato condannato all’ennesimo ergastolo, ma
nella sua cella al 41 bis potrà finalmente avere un menu
adatto alle sue allergie. Umberto Onda fu l’autore materiale
dell’omicidio di Anna Barbera, la donna che aveva sputato
contro i killer di suo figlio. Però, nella stessa giornata
in cui arriva la conferma del nuovo ergastolo, ottiene un verdetto
a lui favorevole e che, probabilmente, da ergastolano già
definitivo gli interessava di più. La Cassazione ha infatti
accolto il suo ricorso. In carcere deve essere fornita, ai
detenuti, una dieta varia ed equilibrata che assicurando la tutela
del diritto alla salute tenga presente eventuali allergie
alimentari dei reclusi. Dunque, sostengono gli ermellini, ad
Umberto Onda va data la carne, visto che è afflitto da una
documentata e certificata allergia al pesce azzurro.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO



Sabato 10 Novembre 2018, 08:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 10 novembre 2018 — 9:14
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016