Serie B, vince solo l’Empoli: Palermo e Frosinone frenano


Serie B

Serie B, vince solo l'Empoli: Palermo e Frosinone frenano
© LaPresse

Le inseguitrici dei toscani si fanno rimontare nel finale e ora sono a meno 11

ROMA – Pomeriggio incredibile in serie B: su 9 partite 7 terminano in parità e solo Empoli e Ternana ottengono un successo contro Pro Vercelli e Novara. I toscani allungano in testa alla classifica e si portano a +11 su Frosinone e Palermo, rimontate nel finale come il Bari. Gli umbri invece ottengono la seconda vittoria consecutiva e abbandonano l’ultimo posto dove ora c’è la Pro Vercelli.

Empoli-Pro Vercelli 3-2

Riprende la sua marcia inarrestabile l’Empoli che dopo il pari con lo Spezia completa un poker di vittorie interne consecutive. La Pro Vercelli passa a sorpresa al 9′ con Di Fulco che timbra in contropiede il 4° gol stagionale. Il vantaggio dura pochissimi secondi perché la capolista rimette le cose a posto con Caputo che di testa devia in tuffo il cross di Di Lorenzo. E’ il 23° gol per il capocannoniere di Serie B. Il ribaltone viene completato al 33′: Krunic getta un fascio di luce su Zajc con un passaggio filtrante e il 2-1 diventa una pura formalità. I ragazzi di Andreazzoli chiudono i conti a inizio ripresa con la splendida conclusione al volo di Luperto che sfrutta l’angolo da destra. La Pro Vercelli non si arrende e riaccende la speranza al 57′: il merito è tutto di Ghiglione che incendia la linea di fondo e mette un pallone in mezzo che trova la deviazione vincente di Castiglia. L’Empoli controlla gli ultimi minuti e nel finale il neoentrato Donnarumma e regala una gran palla a Traoré che colpisce la traversa.

Palermo-Cremonese 1-1

Dopo 3 sconfitte consecutive la Cremonese raccoglie un punto preziosissimo al Barbera contro il Palermo. L’occasione più importante della prima parte per i rosanero capita a Gnahoré che riesce ad arrivare al limite dell’area ma poi mette fuori il tiro di destro. I siciliani collezionano un paio di occasioni a inizio ripresa e Tadino al 52′, viene espulso per proteste. Il Palermo continua a spingere e al 61′ Coronado (8° gol) spezza il silenzio offensivo con un tap-in di testa dopo la parata di Ujkani su Rispoli. Poco dopo l’1-0 l’arbitro La Penna caccia anche Tesser ma la Cremonese trova il pari all’83’ con Scamacca, bravo a gonfiare la rete su assist di Marconi.

Frosinone-Spezia 1-1 

Pari beffa anche per il Frosinone che rimane appaiato ai siciliani al secondo posto. Esordio di match folgorante dello Spezia: il Frosinone sfiora l’autogol con Terranova, e poi Pessina fa tremare la traversa con un colpo di testa potentissimo. La squadra di casa prova a ridestarsi con un missile da fuori di Dionisi che sfiora lo specchio. Nella ripresa i ciociari riescono a prendere le redini del match: dopo 13 minuti l’1-0 viene siglato su rigore da Dionisi. Al 71′ sembra tutto apparecchiato per il 2-0 ma Citro si mangia un gol che sembrava fatto sull’assist geniale di Maiello. Ciano e Citro sbagliano anche altre chanche in un’azione prolungata a 12′ dalla fine e nel recupero lo Spezia trova un insperato pareggio: l’arbitro sanziona giustamente la strattonata di Crivello su Giani e Pessina non sbaglia dal dischetto. 

Pescara-Bari 2-2

Il Bari si fa rimontare due reti e perde un’altra grande occasione per avvicinarsi a Palermo e Frosinone. I pugliesi sbloccano il match a metà primo tempo con Nenè che colpisce di testa sul cross dalla destra di Henderson. Il gol del raddoppio è tutto merito di Anderson che segna al culmine di una cavalcata in cui vince un paio di rimpalli. Il Pescara riapre il match dopo pochi secondi della ripresa: il 5° gol stagionale di Mancuso non lascia scampo a Micai su assist di Valzania. Il Bari prova a ripristinare subito 2 reti di margine ma Cissé sperpera una grande occasione. I ragazzi di Pillon sfiorano la rete del pareggio e lo trovano paradossalmente dopo il rosso all’88’ a Campagnaro: è Pettinari nel recupero a trovare la zampata che fa esplodere lo stadio Adriatico.

Pescara, due bombe carta esplodono nei pressi del ritiro del Bari

LE ALTRE GARE – L’unico successo di giornata oltre a quello dell’Empoli è della Ternana che dopo una sofferenza iniziale cala un tris a Novara. Il gol del vantaggio nasce al 34′ del primo tempo: cross di Signori da sinistra, Carretta galleggia in aria e riesce a incrociare splendidamente il colpo di testa. A inizio ripresa Puscas si divora la chance del pareggio e gli uomini di Di Carlo vengono puniti da una saetta di Favalli che beffa sul primo palo Montipò. Il Novara si sfalda definitivamente e Carretta in contropiede firma la sua doppietta salendo a quota 5 reti in campionato. 

POKER DI 1-1 – Finisce in parità il match dal sapore playoff tra Perugia e Venezia: lagunari avanti al 57′ con Modolo bravo a liberarsi in mezzo all’area sull’angolo calciato da Stulac dalla destra. La rete del pareggio per i biancorossi arriva a 5 dalla fine con Buonaiuto, abile a sfruttare l’assist involontario di Gustafson. 1-1 anche tra Brescia e Carpi: dopo aver sbagliato un rigore calciando malissimo, Caracciolo si fa perdonare autografando la girata che vale l’1-0 a 10 minuti dalla fine. Gli ospiti ci credono e timbrano la parità con Melchiorri, che inventa uno splendido diagonale di destro al 93′. Stesso punteggio anche tra Salernitana e Cesena. Romagnoli avanti alla prima occasione: al 18′ Donkor pennella di testa un cross che Moncini trasforma in oro. E’ il suo 5° gol quest’anno. Per autografare la parità ci vuole un capolavoro di Rosina che affresca di sinistro su punizione al 70′ e infila la palla sotto l’incrocio. L’ultimo 1-1 di giornata è quello tra Entella e Avellino: dopo un primo tempo dominato dai liguri, alla prima vera occasione l’Avellino passa: al 52′ il cross di Molina illumina il colpo di testa di Asencio che supera Jacobucci. Il pareggio è originato da un corner dalla sinistra: la firma è di Ceccarelli che dopo il colpo di testa di De Luca indovina la spaccata vincente.

 



Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 14 aprile 2018 — 17:05
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016