Pd, cade la testa di Renzi Martina segretario a tempo



La Direzione di domani segnerà la resa di Matteo, in vista dell’assemblea di aprile. L’affondo di Sala

A guardarlo dall’alto, quel Pd caduto dalle stelle alle stalle, dal potere all’im-potenza, appare come un formicaio in gran rimescolamento. Non solo al Nazareno, adesso che si attende ad horas la formalizzazione delle dimissioni del «gran capo» Matteo Renzi, il primo caduto nella battaglia del 4 marzo, il «rottamatore (quasi) rottamato». Alla Direzione di domani il vicesegretario Martina, sarà investito dall’onere di condurre il Pd verso l’assemblea di metà aprile che, scongiurato l’incubo di primarie, dovrebbe eleggere un segretario traghettatore; come lo fu Franceschini dopo Veltroni o Epifani dopo Bersani.

La scelta dell’assemblea, per ora in salde mani renziane, ma fino ad allora chissà, viene ristretta ai due già in campo: Delrio e Zingaretti (ieri Chiamparino s’è tirato fuori). Se Delrio rappresenta il renzismo «critico» di stampo cattolico, Zingaretti raccoglie attorno a sé il nucleo del vecchio Pds-Ds e persino un plauso esterno di D’Alema (cosa che al momento è una iattura, diciamo, anche se c’è chi riaccoglierebbe subito in casa i transfughi di Leu).

Grande è la confusione anche nei gruppi in via di costituzione alla Camera e al Senato. Dove, a dispetto delle liste fatte a immagine e somiglianza di Matteo Renzi, i conti cominciano a non tornare. A Palazzo Madama, per esempio, sui 54 eletti per ora sono rimasti solo una ventina i renziani «puri»; il che significa, per la legge dei bilancini e dei contrappassi, che Luigi Zanda potrebbe essere riconfermato capogruppo. Brutta notizia, per le vestali in gramaglie del renzismo, visto che Zanda è stato tra i primi a scendere dalla tolda per sparare su capitan Schettino.

Si distinguono già tra «puri», meno puri e impuri, ed è un altro cattivo segno. Nel bailamme pidino non è più la somma a fare il totale. Se Emiliano è in corsa solitaria per l’accordo Pd-M5S, hanno preso coraggio non solo le minoranze alla Orlando (contrario ad appoggiare un governo grillino), ma anche quelle più interne al gruppo di potere. Così il governatore campano De Luca spara a zero sui «notabili» che hanno portato al disastro il Pd (non senza donare un seggio al suo figliolo). Ci si scopre «spretati» in men che non si dica, come capita pure al sindaco di Milano, Giuseppe Sala. «Sono stato vicino a lui, inutile negarlo, ma non mi sono mai sentito renziano… Il mio allontanarmi da Renzi è stato quando dopo il referendum è voluto tornare nell’arena… il suo difetto è stato di circondarsi di poche persone». Per non parlare della Boschi: «Una provocazione per la gente di sinistra, imporla come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio». Sala ora spera che Renzi non stia già decidendo di farsi un partito suo e gli rivolge l’accorato appello a restare, «perché ha un suo elettorato». L’ipotesi adombrata da Sala esiste.

Allude a una rotta completa nei giochi di sopravvivenza di queste ore al Nazareno. Zingaretti è già oggetto di tiro al piccione: il non-più-renziano Sala lo accusa per l’«impropria» autocandidatura all’indomani del voto. Il popolare Er saponetta viene sospettato pure di atteggiamento morbido nei confronti dei grillini, e di un possibile governo Di Maio. La scelta di aprile dirà molto sul futuro del Pd. Sempre che se ne veda uno, e che Renzi non se ne sia già andato portandosi via la palla.

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 11 marzo 2018 — 10:33
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016