Lazio, Inzaghi va sul derby senza fare processi


Lazio

Lazio, Inzaghi va sul derby senza fare processi
© @ Marco Rosi / Fotonotizia

Il tecnico ha preferito togliere pressione e restare in silenzio per far rifiatare la squadra

ROMA – È esplosa e crollata, cedendo di schianto come se avesse resistito e tenuto la macchina al massimo dei giri per tanti, troppi mesi. Un collasso psico-fisico a un passo dal traguardo, l’incapacità di reagire e di rimettersi a correre quando gli austriaci della Red Bull hanno trovato il pareggio e raddoppiato le energie, riaprendo una partita e una qualificazione che sembravano già archiviate. Una bambola micidiale, inspiegabile, difficile da raccontare e comprendere, da 5-2 (dopo il gol di Immobile) al 5-6 in meno di mezz’ora. Addio all’Europa League, la semifinale sfilata dalle tasche e gettata via in modo incredibile, perché non è accettabile prendere tre gol nel giro di quattro minuti e consegnarsi così agli avversari. Dentro la Lazio, nel lunghissimo viaggio di rientro da Salisburgo a Formello, una sola spiegazione condivisa.

Tutto sulla Lazio

Crollo mentale. Il ds Tare, nella pancia della Red Bull Arena, guardava e riguardava le immagini per cogliere aspetti e sfumature sfuggite a caldo e assistendo al tracollo dalla tribuna. Società, staff tecnico e squadra consapevoli della disfatta, di una sconfitta inaccettabile per dimensioni e modo in cui è maturata, ma anche convinti, con il derby alle porte, di compiere un’altra impresa, cioè quella di superare il contraccolpo psicologico e rialzarsi nel giro di 48 ore. A volte lo stress e la tensione possono provocare, senza troppi ragionamenti, una reazione naturale. È quanto sperano a Formello.

Lazio, una notte inspiegabile: la testa al derby?

Leggi l’articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola



Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 14 aprile 2018 — 10:00
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016