Latitante fermato durante controllo: viaggiava con 51 Gratta e vinci



UDINE – Sembra davvero avere un conto aperto con la fortuna perché da sei anni a questa parte nei suoi confronti è stato spiccato un ordine di cattura ma lui viaggia indisturbato nel Nord Italia senza mai essere controllato e porta con sé 51 biglietti Gratta e vinci tutti fortunati e vincenti, da 200 euro l’uno.

Ogni tanto però anche i baciati dalla Dea Bendata incappano nella giornata storta; è quanto è successo ieri, giovedì 19 aprile, prima di mezzogiorno; il latitante chiede un passaggio a due amici. Sale a bordo della loro auto e comincia a girare per le vie di Udine; destino vuole i tre vengano fermati per un controllo da una pattuglia dei carabinieri del Norm della Compagnia di Udine.

Il latitante è tranquillo; sa che il mandato di arresto è per un altro alias con cui, tempo addietro, aveva commesso dei gravi reati in provincia di Modena, quando era un clandestino. Ora ha una identità nuova grazie a documenti che la possono comprovare.

Non altrettanto sicuri e tranquilli sono i due amici; il loro nervosismo non sfugge ai militari dell’Arma, coordinati dal maresciallo maggiore Andrea Riolo, che eseguono un controllo. Vogliono approfondire questa strana agitazione. La pattuglia perquisisce l’auto su cui viaggiano le tre persone e, all’interno di un contenitore, trovano 55 grammi di droga, probabilmente metadone, e diversi cacciaviti. Addosso all’uomo che si è dimostrato sempre tranquillo trovano invece 51 biglietti Gratta e vinci. Sono tutti vincenti. Lui si giustifica coi carabinieri: «Sono davvero fortunato».

I tre vengono portati in caserma, nella sede della Compagnia di Udine, comandata dal tenente Ilaria Genoni, per un approfondimento e un accertamento sulla loro identità. Sono tutti e tre cittadini moldavi, tra i 30 e i 36 anni, disoccupati, senza fissa dimora. Quello che si dichiara di essere particolarmente fortunato, V.I. le sue iniziali, 36 anni, incappa in un piccolo imprevisto.

Da un controllo più approfondito spunta di nuovo il vecchio alias, quello che il 36enne pensava di poter tenere nascosto; con la scoperta dell’alias spunta anche l’ordine di carcerazione. Ora deve scontare un anno di reclusione per reati commessi a Modena sette anni fa. A quel punto viene arrestato e accompagnato nel carcere di Udine. Tutti e tre gli amici sono stati denunciati anche per il possesso della droga. Sono in corso adesso gli accertamenti per capire come mai il 36enne moldavo fosse in possesso dei biglietti Gratta e vinci tutti vincenti.


Venerdì 20 Aprile 2018, 08:55 – Ultimo aggiornamento: 20-04-2018 22:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 21 aprile 2018 — 3:56
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016