Juncker: Salvini e Di Maio sboccati La replica: Ue dei banchieri, ore contate



Nuovo scontro tra il presidente della Commissione europea Juncker e il ministro dell’Interno Salvini. «Il fatto che due vicepremier italiani si esprimano in modo estremamente sboccato sulla Ue fa capire tante cose», dice il pirmo rispondendo – in un’intervista a Der Standard – alle parole di Salvini che aveva detto di voler parlare solo con «persone sobrie». «Tra sei mesi l’Europa dei banchieri sarà finita», è la controreplica del vicepremier leghista.

LEGGI ANCHE Moscovici: «Salviamo l’Ue da Salvini, Orban e Le Pen»

 

«Che il vicecancelliere austriaco Strache ora dica di essere amico di Salvini mi sorprende, ma non troppo. Non possiamo scegliere i parenti, gli amici invece sì», aggiunge il presidente della Commissione europea, sottolineando poi di non aver «paragonato l’Italia alla Grecia», ma certamente «l’Italia si trova in una situazione difficile». «Non spetta alla Commissione» entrare nel merito delle misure inserite in manovra come la flat tax o il reddito di cittadinanza ma «spetta ai politici italiani impostare misure che consentano all’Italia di rimanere entro gli obiettivi di bilancio concordati».

Se tutti chiedessero una deroga alle regole, ribadisce Juncker, l’euro sarebbe in pericolo. «Il governo italiano – prosegue – deve presentare il suo bilancio entro il 15 ottobre presso la Commissione. Noi valuteremo ‘sine ira et studio’, chiedendo, se necessario, delle modifiche. È un processo normalissimo».

Dura la replica di Salvini: «L’Europa dei banchieri, quella fondata sull’immigrazione di massa e sulla precarietà continua a minacciare e insultare gli italiani e il loro governo? Tranquilli, fra 6 mesi verranno licenziati da 500 milioni di elettori, noi tiriamo dritto!».


Sabato 6 Ottobre 2018, 19:07 – Ultimo aggiornamento: 06-10-2018 19:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 6 ottobre 2018 — 19:57
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016