Il maltempo flagella il Centro Sud, morti mamma e figlio in Calabria



Sono stati trovati morti la mamma e uno dei due figli dispersi in provincia di Lamezia Terme a seguito dell’ondata di maltempo. Le vittime sono state ritrovate nel letto di un torrente nei comuni di San Pietro a Maida e San Pietro Lametino. Sono in corso le ricerche del secondo figlio della donna che risulta ancora disperso. 

Nel corso della notte era stato il marito della donna, Stefania Signore, ad avvertire i vigili del fuoco del suo mancato rientro a casa. La vettura sulla quale viaggiava la donna era stata trovata con le quattro frecce accese e vuota a San Pietro Lametino, frazione di Lamezia Terme. Le ricerche sono in corso adesso in tutta la zona per cercare il secondo figlio anche con l’ausilio di un elicottero del Nucleo Vvf di Salerno ed un altro è in arrivo da Catania.

La situazione al centro sud flagellato dal maltempo è sempre più critica: un morto e un ferito sulla statale basentana. In Calabria si valuta lo stato d’emergenza. Bomba d’acqua anche su Bari e nubifragi a Catania. Al km 62,500 della strada statale 407 Basentana, una persona è morta in un incidente mentre era in corso un’abbondante precipitazione. Coinvolti un’autovettura e un furgone. 

LEGGI ANCHE Bomba d’acqua a Catania, la centralissima via Etnea come un fiume: auto ko

LEGGI ANCHE Scuole chiuse oggi a Catanzaro e Crotone per l’allerta meteo arancione


Calabria
Chiuse al traffico alcune strade statali nelle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria a causa delle forti piogge che dal pomeriggio di ieri stanno interessando la Calabria. Uomini e mezzi di Anas sono a lavoro in queste ore per consentire il ripristino della viabilità in piena sicurezza. «Stiamo valutando di dichiarare lo stato di emergenza. La situazione è molto critica in particolare nella zona jonica, nel Vibonese e nel Lametino. Ci sono numerose strade interrotte per frane e allagamenti. La protezione civile è al lavoro senza sosta e nel pomeriggio sono previste ulteriori piogge forti». È il quadro generale delle condizioni della Calabria colpita da una violenza ondata di maltempo, illustrato all’Adnkronos da Mario Oliverio, presidente della Regione. «Sono in corso ricognizioni nelle diverse aree della Regione colpite – ha aggiunto – e poi decideremo il da farsi».

 

Puglia
Una bomba d’acqua, dalle prime luci dell’alba, si è abbattuta su Bari e in alcune città della provincia. Nel capoluogo pugliese la pioggia ha creato disagi agli automobilisti a causa dei rallentamenti del traffico, ma al momento si transita ovunque senza problemi. A Gioia del Colle i vigili del fuoco hanno soccorso una mamma rimasta con i suoi due bambini bloccata nell’auto in panne nei pressi di una rotonda sulla strada per Acquaviva delle Fonti. Mentre a Santeramo in Colle un fulmine ha colpito alcune balle di fieno in campagna, provocando un incendio per il quale è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Un violento nubifragio ha creato allagamenti e disagi nel tarantino. Piove ininterrottamente da diverse ore e in alcuni Comuni della provincia, come Laterza e Ginosa, le scuole sono chiuse per ordinanza sindacale. Numerose le segnalazioni e le richieste di soccorso giunte ai Vigili del fuoco e alla Polizia locale in tutta la provincia. Gli allagamenti hanno reso alcune strade impraticabili e la circolazione stradale è rallentata. Da ieri pomeriggio il servizio di Protezione civile regionale ha emesso un’allerta arancione per l’arco ionico e la Puglia meridionale. Sui social network circolano foto e video che documentano le situazioni più critiche. Allagate anche alcune zone dell’Ilva.

Sicilia
Pezzi di asfalto e pietre per strade, commercianti che ancora puliscono negozi allagati, un rione interamente isolato, alberi caduti che vengono rimossi. Si fa la conta dei danni a Catania all’indomani del violento nubifragio che ieri ha trasformato alcune arterie della città, come la centralissima via Etnea, in un fiume in piena, con auto posteggiate quasi coperte dall’acqua. La violenza ha ‘colpitò anche la sede distaccata del Tribunale: in alcune zone all’interno dell’ex Pretura di via Crispi pioveva a dirotto. Tutto testimoniato da video finiti in rete o sui social network. Gli interventi dei vigili del fuoco sono stati già 70, mentre una cinquantina sono ancora in attesa di essere eseguiti. Le zone maggiormente colpite sono quelle Industriale e aeroportuale e i rioni San Giuseppe la Rena, Villaggio Santa Maria Goretti e la Plaia.

 


Venerdì 5 Ottobre 2018, 10:32 – Ultimo aggiornamento: 05-10-2018 11:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 5 ottobre 2018 — 11:16
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016