“Facebook intollerante con i conservatori”: lascia l’ingegnere critico con la ‘monocultura liberal’

"Facebook intollerante con i conservatori": lascia l'ingegnere critico con la 'monocultura liberal'

Si dimette il dipendente che, lo scorso agosto, aveva denunciato l’ideologia a senso unico della società di Mark Zuckerberg. Non senza aver dato vita a un gruppo conservatore in seno a Menlo Park


“GLI auguriamo il massimo successo”, dice un portavoce del colosso. Si è dimesso da Facebook Brian Amerige, l’ingegnere che aveva sollevato un vespaio di polemiche con un recente memo interno rivolto ai suoi colleghi e pubblicato da Business Insider. In quelle righe il dipendente del social, impiegato nella divisione che si occupa dell’usabilità di prodotto, manifestava tutto il suo disappunto per la “monocultura” in cui la società sarebbe immersa. Colpevole, a suo dire, di discriminare le posizioni politiche e sociali conservatrici.
 
“Mi sta troppo a cuore il nostro ruolo nel supportare la diversità intellettuale e la libertà d’espressione anche solo per mettermi a lavorare ancora più in profondità sul prodotto, ho capito che è tempo di mollare” ha spiegato Amerige. In un post precedente, risalente allo scorso agosto, l’ingegnere accusava la dirigenza del social blu di essere “intollerante” nei confronti dei conservatori e, appunto, sollevava il tema della “monocultura politica” tipicamente liberal. Tipica, d’altronde, della stragrande maggioranza del top management della Silicon Valley, cuore della tecnologia statunitense e internazionale.
 
Già lo scorso anno Google si era trovata al centro di un uragano politico dopo che un altro ingegnere, si chiama James Damore, scrisse un post su uno dei sistemi di comunicazione e confronto interni, denunciando ciò che aveva battezzato la “camera dell’eco ideologica di Google”, attaccando fra l’altro gli sforzi della compagnia in termini di diversità fra i dipendenti. In generale, alcuni lavoratori dalle posizioni conservatrici e repubblicane accusano da sempre i colossi dell’hi-tech di censurare in modo deliberato opinioni e voci che non siano allineate alle idee liberal dei loro capi.
 
“Viviamo in una monoculutra politica intollerante ai diversi punti di vista – aveva scritto Amerige un paio di mesi va – pensiamo di accogliere tutti i punti di vista ma siamo rapidi ad attaccare, spesso mobbizzando, chiunque presenti un’opinione che appaia in opposizione all’ideologia di sinistra”. Quella denuncia ha anche condotto alla nascita di un gruppo sulla piattaforma digitale utilizzata dai dipendenti di Facebook  battezzato “FB’ers for Political Diversity” dove si sono riversati centinaia di impiegati conservatori scontenti delle pratiche della società. Ma la faccenda ha tracimato anche nel campus, dando vita a dibattiti sul tema.







Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 11 ottobre 2018 — 15:19
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016