Donna presa a martellate in testa salvata dall’ex calciatore Biancolino



Prende a martellate una donna 37enne di nazionalità polacca. È accaduto in pieno centro ad Avellino, lungo corso Europa. L’autore si è poi dato alla fuga ed stato fermato in serata. Si tratta di un 57enne pregiudicato. L’uomo è stato bloccato dagli agenti della Questura nella zona dello stadio. Agli investigatori ha riferito che dopo l’aggressione si è allontanato da Avellino per raggiungere Marigliano.

La vittima, ricoverata in codice rosso in ospedale, non sarebbe in pericolo di vita. L’aggressore è nella sede della

Questura in attesa del referto medico sulle condizioni della donna, che potrebbe far scattare l’arresto.

Sotto choc le persone che hanno assistito alla terribile scena. La lite potrebbe essere scaturita da motivi passionali. 

La donna avrebbe potuto subire conseguenze letali senza l’intervento dell’ex calciatore dell’Avellino, Raffaele Biancolino, che gestisce insieme con la moglie un negozio di abbigliamento in Corso Europa, dove è avvenuta l’aggressione. Richiamato dalle urla dei passanti, Biancolino, a cui i tifosi diedero il nomignolo di «Pitone», si è precipitato all’esterno del negozio e ha letteralmente travolto l’aggressore costringendolo alla fuga. Per la gravità delle ferite riportate al capo la donna si trova ricoverata in codice rosso nell’ospedale del capoluogo irpino. L’aggressore potrebbe essersi allontanato a bordo di un mezzo pubblico. Gli agenti della Squadra Volante, diretti dal vice questore Elio Iannuzzi, hanno esteso le ricerche dell’uomo, un cinquantenne secondo le testimonianze, ai centri dell’hinterland avellinese.


Martedì 18 Settembre 2018, 13:52 – Ultimo aggiornamento: 18-09-2018 21:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vota questo articolo
Condividi sui social:
Updated: 19 settembre 2018 — 3:13
You Channel Video musicali, video divertenti "You Channel" © 2016 Copyright 2016